Statuto (semiserio)

Art. 1.

E’ costituita una società S.p.A. con la denominazione “CORO S.GIACOMO di Piumazzo”.

Art. 2.

La società ha per oggetto :

a) La diffusione del bel canto, musica sacra e non, mediante rappresentazioni, possibilmente con un cospicuo cachet, presso chiese locali, nazionali ed estere.

b) Incentivare e raccogliere proseliti nel proprio gruppo, più sono giovani meglio è, anche belle ragazze.

c) Scoprire nuovi talenti musicali e canori, del tipo Pavarotti, Bocelli e Ricciarelli.

d) Effettuare almeno una o due gite sociali-istruttive l’anno.

Art. 3.

La durata della società è fissata a tempo indeterminato, sempre che qualcuno non si sia rotto i cosiddetti!

Lo scioglimento della stessa è previsto solo con la delibera dell’assemblea straordinaria, con una percentuale minima del 99,9%.

Art. 4.

La società ha sede in Piumazzo presso la cripta dietro la canonica. Finite le prove ci si può anche riunire sul sagrato della chiesa, antistante la Piazza della Repubblica.

La società può istituire sedi secondarie e succursali, filiali, agenzie e rappresentanze in qualsiasi luogo in Italia e all’estero.

Il domicilio legale dei soci, per quanto concerne i rapporti con la società, è quello risultante dal libro dei soci, in allestimento. In mancanza di esso, si intende eletto presso la sede sociale a tutti gli effetti di legge (sagrato P.za della Repubblica).

Art. 5.

Il capitale sociale è di £ 3.000 (Euro 1,5), corrispondente a n° 300 azioni.

Art. 6.

Qualora un socio intenda cedere, in tutto o in parte, le proprie azioni a soggetti diversi dagli altri soci o a suoi discendenti, consanguinei e maggiorenni, deve farne prima offerta agli altri soci, i quali hanno diritto di prelazione all’acquisto.

Art. 7.

L’assemblea è convocata dal Presidente detto “Capitano” o dal Consiglio d’Amministrazione, detto “Comitato“, nella sede sociale sopraindicata o altrove, purché in Italia.

Art. 8.

L’assemblea è ordinaria o straordinaria: l’assemblea ordinaria è convocata almeno due volte l’anno.

Ove particolari esigenze lo richiedano, è convocata l’assemblea straordinaria, in particolar modo se nelle due assemblee ordinarie non sia stato allestito un party, o una cena con almeno dieci portate, oppure un piccolo rinfresco.

Art. 9.

L’assemblea è convocata mediante “passaparola” almeno un giorno prima di quello fissato per l’adunanza.

Art. 10.

Hanno diritto di intervenire in assemblea tutti i soci iscritti nel libro e in regola col versamento della cifra concordata precedentemente, anche se minorenni.

Art. 11.

L’assemblea è presieduta dal Presidente o dal socio anziano, ed in mancanza di questi dal Capitano.

Art. 12.

Ogni azione dà diritto ad un voto.

Art. 13.

Le nomine e le cariche vengono fatte con voto per alzata di mano. Risultano eletti coloro i quali abbiano ricevuto più manate.

Art. 14.

La società è amministrata dalla direttrice Mazzoli Maria Teresa o dall’organista Casali Lauro, i quali possono delegare ad un consiglio di amministrazione composto da sette membri scelti anche tra i non soci.

Art. 15.

La durata delle cariche sociali è di anni tre e possono essere perpetuate.

Art. 16.

Qualora venga eletto un Consiglio d’Amministrazione (Comitato), questo nomina un Presidente (Capitano) e un Segretario (Scrivano).

Art. 17.

La società ed il Comitato si riunisce tutte le volte che sia opportuno effettuare una cena.

Art. 18.

E’ cura del Capitano o dello Scrivano redigere verbale dell’adunanza con descrizione dettagliata dei cibi e delle bevande consumate, nonché delle spese sostenute.

Art. 19.

L’esercizio sociale si chiude annualmente quando fa comodo a tutti, sempre secondo la legge stabilita da tutti.

Art. 20.

Gli utili netti, risultanti dai bilanci, verranno reinvestiti per l’acquisto di cibi e bevande da consumarsi subito; se rimane ancora qualcosa, verrà ridistribuito ai soci in proporzione delle azioni possedute.

Art. 21.

Qualora controversie dovessero sorgere tra la società, i soci e gli amministratori, la controversia verrà rimessa ad un collegio arbitrale amichevole da tenersi seduti con i piedi sotto ad un tavolo imbandito.

Art. 22.

Per quanto non espressamente previsto dal presente statuto, si fa riferimento alle disposizioni di legge in materia.

In fede,

Avv. Felice

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: